INTERVISTA AL SOCIO DI IOARTE – PATRICK PIOPPIPatrick-Pioppi

Nome e Cognome – PATRICK PIOPPI

Nome d’Arte – PATRICK PIOPPI

Leggi il profilo dell’artista. Guarda, vota e commenta le sue opere e i suoi lavori – www.ioarte.org/artisti/Patrick-Pioppi/

Svelaci il significato del tuo nome d’Arte. – Ho pensato semplicemente di usare il mio nome e cognome senza ragioni particolari. Trovo che sia più diretto.

Tre aggettivi per far capire il fuoco che arde dentro di te. – profondo, curioso e sincero

Quando hai creato la tua prima opera e hai capito di essere un artista? – Ho creato la mia prima opera significativa agli inizi del 2016. Le ragioni principali che mi hanno portato a questa scelta sono le seguenti: Quando andavo a trovare mio padre nel weekend e lo guardavo dipingere sentivo che un domani ci avrei provato anch’io. L’altro motivo è la voglia di riempire le pareti bianche della mia nuova casa con qualcosa di colorato. Ed infine la sensazione di poter dipingere allo stesso livello o addirittura meglio di altri artisti contemporanei presenti sul mercato.

Quale opera più ti rappresenta? (per poterla inserire nella pubblicazione dell’intervista ti chiediamo che l’opera sia presente in IoArte, grazie) – Indubbiamente GIOIA DI VIVERE. Raffigura mia madre a vent’anni in tutta la sua bellezza. L’opera mostra il suo lato migliore secondo il mio punto di vista.. Il suo essere una persona ottimista, vivace, sognatrice, sincera e bella.

Raccontaci la mostra a cui hai partecipato che ti ha dato più emozioni e soddisfazioni. Spiegaci le motivazioni e raccontaci come l’hai organizzata e vissuta. Spiegaci anche il perché le altre mostre che hai fatto non hanno avuto le stesse gratificazioni. – la prima mostra alla quale ho partecipato essendo inserito da poco nel mondo dell’arte è la LO GALLERY a Bergamo. Mi sono trovato molto bene. Sono inoltre candidato ad altri concorsi di cui il più importante e significativo è la Triennale dell’arte contemporanea a Verona. Si terrà a giugno e dopo che l’avrò vissuto sarò felice di esprimervi le mie sensazioni.

In che ambiente crei le tue opere? Parlaci dei tuoi momenti d’Arte. (se sono solitari, o con musica, se niente di distrae o se ti isoli dal mondo, se ritocchi per giorni e mesi la tua opera o se condividi l’opera e le emozioni con qualcuno prima che sia finita, oppure se è un’intimità solo tua… ecc..) – Al momento dipingo in cucina da solo visto che mia moglie non ha la pazienza di farmi compagnia per tutta la durata del mio lavoro. L’ambiente è silenzioso e siamo presenti solo la mia fantasia, la tela, i colori ed i pennelli..

Cosa vorresti cambiasse nel mondo dell’Arte e cosa dovrebbero fare per l’Arte gli operatori del settore? Cosa dovrebbero fare i politici, le associazioni, i musei, le gallerie, i collezionisti ecc.. per salvaguardare e sostenere l’Arte? – Visto che mi sono introdotto da poco in questo mondo bellissimo non ho ancora la capacità di tale giudizio.

Come vivono la tua Arte e il tuo essere Artista la famiglia e gli amici? – Sono molto contenti per me. Mi consigliano di continuare e coltivare il mio talento.

Se non ti senti un Artista compiuto, cosa ti manca come crescita personale per arrivare a sentirti quell’Artista che dentro di te sai già di essere? – Penso di aver già inquadrato il mio stile ed il mio percorso che è già importante. Voglio provare a spingermi sempre oltre i limiti per capire fin dove posso arrivare. Dipingere è come una sfida personale che mi sforza a far meglio.

Domanda intima: le tue opere le tieni per te o le vendi? Spiegaci anche le motivazioni del perché non vuoi venderle o separarti da esse o illustraci i tuoi canali di vendita che meglio ti aiutano e ti rappresentano, senza quindi mercificare troppo la tua Arte. – Le prime opere riguardano i miei famigliari più cari e le ho dedicate a loro. Ho cercato di materializzare un ricordo di loro che li ritraesse nel miglior modo in cui li conosco. Hanno un valore affettivo perciò ho deciso di tenerle.

Altre notizie su di te e su cosa ci vuoi raccontare, sulla tua vita e sulle tue mostre. – Sono una persona curiosa che ama rischiare. Al momento ho tante porte aperte davanti ai miei occhi e devo solo lanciarmi. Visto che la vita si vive solo una volta e penso vada vissuta al 100% non smetterò mai di tentare seguendo sempre il mio cuore.

Un grazie a Patrick da IoArte, Associazione Culturale

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Patrick-Pioppi__GIOIA-DI-VIVERE_g