Giovanni Teresi
Ricordi in una semplice borraccia di latta

Giovanni Teresi
Ricordi in una semplice borraccia di latta

Nelle lunghe passeggiate  in periferia di Marsala con mio nonno Antonino ascoltavo ben volentieri i suoi racconti di guerra. Uno in particolare ricordo con emozione ed è il seguente:

“Anche a me ogni tanto toccava un turno di guardia di notte.

Pur essendo stato fino a  poco tempo prima  un ragazzo, da quando avevo avuto il fucile e la cartucciera non avevo il minimo dubbio di essere un partigiano.

I turni di notte mi pesavano un po’.

Di notte il freddo era pungente; era solo  l’inizio di autunno. Si sentivano gli stridii delle civette, il rantolo dei gufi, lo squittio delle volpi, che avevano l’ardire di scendere fino nei pressi dei villaggi. Si sentivano i cani del borgo abbaiare ai rumori indefiniti della notte, e si vedevano le montagne scurissime di abeti e di prati illuminarsi con il sorgere della luna. Alcune erano tutte verdi, altre avevano spuntoni e creste rocciose.

Certe notti si sentiva l’ululato del vento, che pareva proprio uguale a quello che passava tra i canneti e i boschi di aceri e di pioppi.

Sentendo tutto ciò avevo la sensazione che la guerra non ci fosse più.

Se non ci fosse stato ogni tanto il rombo dei caccia che andavano in Germania, o sporadici colpi di cannone, avrei pensato che la guerra fosse sprofondata nel passato e già diventata triste ricordo.

Nei miei turni mi perdevo dentro i miei pensieri, e avevo la sensazione di stare a fare la guardia al nulla. Per riscaldarmi un po’, estraevo la borraccia contenente del vino rosso, ne bevevo ogni tanto un sorso gustandolo lentamente.

Sentivo correre nel sangue, come un rivolo sottile e remoto, i ricordi della spensieratezza, l’allegra vendemmia su quelle stesse valli, la fraterna amicizia,  l’odore del Vino Santo servito da chierichetto alla Messa, la gioiosa sagra della mostarda, i volti dei miei cari e della mia stessa gente. Però subito dopo, più mi immergevo nel vortice della realtà e delle riflessioni sulla guerra  più mi accorgevo che essa era una vicenda sinistra e stregata.

Era un evento spietato e senza ritorni, come dimostravano i treni che portavano gli ebrei in campi di concentramento, dei quali nessuno sapeva niente di preciso.

Erano tempi di rapina e di lupi, in cui tutto era sconvolto dalle fondamenta.

Accadevano le cose più inaudite.

Paure antiche cominciavano a salire dal profondo, e li vedevo come fossero un’orda barbarica e medievale. Molti paesi, sia sulle colline che sulle montagne, erano stati bruciati dai tedeschi perché servivano come base ai partigiani. La gente era inerme e spaventata. Allora una notte, di quelle più fredde e più tetre, maledicendo la sorte,  mi misi a correre all’impazzata, lungo la strada di ghiaccio, con slittamenti paurosi di ruote e lunghi brividi nella schiena. Avevo una fretta ossessiva di uscire da quelle valli, da quelle strade scivolose, come se lì dov’ero mi sentissi nella tana del lupo.

Il nemico era vicino. L’eco di alcuni colpi di fucile si diffuse lì vicino, rintronò in ogni diramazione e in ogni anfratto della valle, poi si perse lontano, e tutto sembrò finito. Ma in realtà non tutto era finito. I colpi sparati ferirono un giovane soldato tedesco. All’improvviso il silenzio della morte avvolse il tutto. Sopra un cielo cupo assorbiva il pianto, il dolore nell’universo sconosciuto.

Gli abitanti del villaggio attesero la spedizione punitiva dei tedeschi. Avevano bene in mente i giorni terribili del borgo incendiato nella parte più alta della valle.

Lì era pieno di partigiani, ben nascosti come i funghi nei boschi. In effetti alcuni tedeschi con auto e camion vennero su dai loro presidi a cercare il soldato scomparso. Lo spavento crescente soffiava nei cuori della gente barricata in casa come il vento lamentoso delle vallate. Giravano e rigiravano a vuoto, davano un’occhiata lungo le strade, i sentieri, il greto del fiume, e poi se ne ritornarono per la via più corta.

Durante la mia corsa sfrenata persi la borraccia.

Del vino rosso si sparse sulla neve che l’assorbì come il sangue.

Il cuore mi batteva come dei duri colpi su un tamburo …

Non accadde niente di ciò che si temeva.

Nella paura arrivai  al luogo dove i carrozzoni di paglia, coperti di neve e spalancati a tutti i venti, cominciavano lentamente a marcire.

Mi nascosi per un po’ dietro uno di essi.

Verso sud il cielo si illuminò a giorno dai bengala lanciati in ogni direzione.

Mi ricordai della festa del santo patrono in tempi migliori, ma era la guerra.

Il rumore di aerei, sordo e continuo, era interrotto ogni tanto da una catena di scoppi che facevano sussultare. Erano gli aerei americani!

Tra le ruote di un carro ritrovai la borraccia di latta, mi attaccai ad essa bevendo fin l’ultima goccia del vino rosso e all’improvviso assaporai l’agognata libertà.

Anche i sottili rami degli alberi, lì in fila immobili nel loro turno di guardia, si mossero salutando la nuova alba in un cielo sempre più terso”.

Giovanni Teresi

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento