INTERVISTA ALLA SOCIA DI IOARTE – LIDIART

NOME D’ARTE Lidia Borella Lidiart
NOME E COGNOME Lidiart
CONTATTA L’ARTISTA DALLA SUA PAGINA DI IOARTE
LEGGI IL PROFILO
GUARDA LE SUE OPERE
VOTA LE SUE OPERE
COMMENTA I SUOI LAVORI http://www.ioarte.org/artisti/Lidiart/
SVELACI IL SIGNIFICATO DEL TUO NOME D’ARTE Con il nome “Lidiart” ho voluto semplicemente giocare con il mio nome Lidia, unendolo alla parola inglese art. Essendo un’appassionata di pittura, di fotografia e, più in generale, dei diversi linguaggi artistici, ho voluto che il mio nome fosse un tutt’uno con l’arte e che vi appartenesse.
QUANDO HAI COMINCIATO A SENTIRTI ARTISTA? Fin da piccola ho sempre cercato diversi modi per esprimersi, dalle macchie di colore, ai più semplici disegni; ho sempre sentito la “necessità” di comunicare in modo diverso rispetto alla sola parola. Con gli anni e con la scelta degli studi artistici ho iniziato ad appassionarmi sempre di più al mondo dell’arte, a conoscerne la storia e gli artisti, che con le loro opere mi hanno affascinato ed ispirato. In questi ultimi anni ho iniziato a sperimentare e sviluppare un mio stile pittorico distintivo, che ha in sé la volontà di esprimere emozioni tramite il rapporto tra forme e colori, tra elementi figurativi e porzioni astratte, attraverso la rappresentazione della figura umana. Mi piace esprimermi utilizzando anche il linguaggio della fotografia, con i miei scatti cerco sempre di creare atmosfere fantasiose, sognanti e, a volte, anche un po’ ludiche; la fotografia e i nuovi media mi hanno permesso, inoltre, di creare delle nuove opere: dei collages digitali in cui unisco porzioni dei miei dipinti con alcune fotografie di elementi naturali, in questo modo vengono a crearsi delle nuove immagini, caratterizzate da atmosfere suggestive e sospese nel tempo. Posso quindi dire che da sempre ho sentito questa vicinanza al mondo dell’arte, ma è soprattutto in questi ultimi anni che ho trovato e sperimentato diversi linguaggi con cui esprimermi e un mio particolare stile.
QUAL È L’OPERA CHE PIÙ TI RAPPRESENTA? Per quanto riguarda la pittura, più che a un’opera in particolare, sono legata emozionalmente e, in piccola parte, stilisticamente ad alcuni movimenti artistici del passato. Amo molto l’impressionismo, in particolare Monet e Renoir, perché la pittura per loro era gioia di vivere, capacità di stupirsi ogni giorno di fronte alle piccole-grandi meraviglie del creato, per la voglia di farsi travolgere dai colori. Apprezzo anche le tendenze post-impressioniste e soprattutto le particolari pennellate di colore che utilizzava Van Gogh e mi sento allo stesso tempo vicina ai Fauves e all’Espressionismo per il modo di dipingere, secondo stati d’animo interiori. Sono legata comunque a tutte quelle tendenze dell’arte contemporanea che hanno in sé una riscoperta del figurativo o comunque di “un’estetica compositiva ed emozionale”, che alcune delle ultime tendenze contemporanee tendono a negare, perché vogliono rappresentare il vuoto e l’alienazione del mondo contemporaneo. Per quanto riguarda i miei lavori, in qualsiasi linguaggio artistico che utilizzo, consciamente o inconsciamente ritrovo ed esprimo sempre qualcosa di me attraverso: colore, armonia, stati d’animo ed emozioni.
TRE PAROLE PER CONOSCERTI MEGLIO NATURA, ARMONIA, CREATIVITA’ NATURA: nei miei lavori è profondamente presente il mio legame con la natura, il mio rispetto e l’ammirazione per l’ambiente che ci circonda. ARMONIA: le mie opere rispecchiano il mio modo di essere, vogliono evocare emozioni positive e sono caratterizzate da una costante ricerca di equilibrio ed armonia. CREATIVITA’: mi ritengo una persona molto creativa, utilizzo l’immaginazione e la fantasia e mi faccio ispirare dalle cose più piccole perché penso che “semplicità e stupore” siano importanti ed essenziali.
DOMANDA INTIMA:
LE TUE OPERE LE TIENI PER TE O LE VENDI A TUTTI? Creo le mie opere per il piacere e la spinta creativa che ho nel realizzarle, soprattutto per la pittura: dipingere è come iniziare un piccolo viaggio in cui metto passione, impegno e dedizione. Proprio per questa intimità che viene a crearsi tra me e la mia opera, quando mi capita di vendere dei lavori sento un forte attaccamento, si può dire che viene spezzato un legame con l’opera unica, infatti ci sono alcuni lavori che non mi sento di vendere perché provo un maggior legame con essi.
PARLACI DEL TUO HABITAT CREATIVO Per quanto riguarda la pittura, non avendo un mio studio, dipingo in casa su un grande tavolo, che riesco ad occupare tutto, vista la mia necessità di spazio e di libertà. Preferisco utilizzare gli acrilici per una questione personale: sia estetica che per il metodo di lavoro; l’acrilico asciuga in fretta ed è perfetto per me, mi permette di dipingere con nuovi strati senza che il colore si unisca al sottostante e senza dover aspettare il tempo di asciugatura. Per quanto riguarda la fotografia, osservo e mi lascio spesso ispirare dalla natura che ho intorno, utilizzo i mezzi e gli oggetti che ho a mia disposizione come biglie, sfere trasparenti e bolle di sapone, oppure terra, alberi e foglie, e sperimento situazioni in cui si creano immagini riflesse.
RIESCI A VIVERE DELLA TUA ARTE? Purtroppo non riesco a vivere della mia arte, sono da molti mesi alla ricerca di un impiego che mi dia una piccola disponibilità economica, sia per essere indipendente, che per continuare a sviluppare la mia passione e anche per realizzare mostre personali e collettive, ma vista l’attuale situazione del mondo del lavoro non è cosa da poco. Per il momento ho allestito alcune mostre personali in spazi offerti gratuitamente, e ho partecipato a diverse mostre collettive, alcune di esse perché sono stata selezionata come finalista in concorsi d’arte. Mi piacerebbe pensare più in grande, se avessi anche una minima disponibilità economica.
UN TUO PENSIERO FINALE Dopo il diploma accademico II livello in Arti Visive ho iniziato a promuovere la mia attività artistica tramite la creazione di un sito Web personale in cui carico tutti i miei lavori, a gestire una mia pagina Facebook in cui pubblico anche le fotografie delle mostre a cui partecipo: spazi e allestimenti o altre attività nell’ambito artistico. Utilizzo anche diversi Social Network per farmi conoscere come: Twitter, Instagram e Linkedin, con cui riesco a mettermi in contatto con altri artisti e operatori del mondo dell’arte, anche per scambi di idee ed esperienze. I miei lavori sono presenti su alcuni siti d’arte che danno spazi per esporre virtualmente.

Un grazie a Lidia da IoArte, Associazione Culturale

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento